Palermo, proclamati 39 laureati all’Università internazionale di Gorazde

Date:

(Adnkronos) – Sono 39 gli studenti, tutti italiani, dell’Università internazionale di Gorazde (Bosnia) che oggi, all’Albergo delle Povere di Palermo, sono stati proclamati dottori in Fisioterapia. A presiedere la cerimonia, dove era presente anche la ministra per l’Università e Ricerca bosniaca Biljana Begovic, il rettore Salvatore Messina. “Siamo convinti che Bosnia e Sicilia hanno molta strada da fare insieme. E la maggiore conoscenza, l’uno dell’altro, possono portare importanti sbocchi – ha detto il rettore – Con la nostra Università abbiamo voluto creare i presupposti affinché l’equipollenza dei nostri studenti con quelli italiani sia non solo prevista dalle norme ma anche garantita dai programmi di studio e dai crediti formativi”.  

“Il valore aggiunto di questa Università- racconta all’Adnkronos Matteo Barcellona, proclamato oggi dottore in Fisioterapia – è un rapporto diretto coi professori che ci hanno dato veramente tanto. Non è soltanto il rapporto docente-discente, loro ci hanno formato e ci hanno fatto capire quali erano i punti chiave di questa professione”. Matteo sogna di lavorare in un ambulatorio o in un centro convenzionato, “o, se ve ne fosse la possibilità, in qualche ospedale”. “Abbiamo imparato tanto in reparto – sottolinea – avendo la possibilità di fare un tirocinio pratico, cosa che spesso non succede”.  

L’Università internazionale di Gorazde – che oggi ha anche inaugurato per la prima volta a Palermo il nuovo anno accademico – offre 4 facoltà: Medicina, con 25 corsi di laurea e master e 35 scuole di specializzazione; la facoltà di Comunicazione, con 8 corsi di laurea e master; la facoltà di Business e Management (16 corsi di laurea, laurea magistrale e master); e la facoltà di Turismo (14 corsi di laurea, master e dottorato di ricerca). Attiva dal 2014, oggi conta circa 300 studenti iscritti. Il percorso formativo è perfettamente in linea con quello offerto dagli atenei italiani, i titoli di studio sono abilitanti all’esercizio della professione e per legge sono ammessi alla procedura diretta di equipollenza in Italia. “Il mondo di oggi non è più quello di 60 anni fa – ha ricordato il rettore Messina – Oggi nasci in un posto, scegli di studiare in un altro e di lavorare in un altro ancora. Il nostro compito è formare i protagonisti di questo nuovo mondo”. 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Share post:

Ricevi le nostre notizie

Popular

SUGGERITI
ARTICOLI

Ucraina-Russia, Mattarella: “Aiuti a Kiev per far cessare guerra”

(Adnkronos) - "Il sostegno politico, economico e militare all’Ucraina e le sanzioni alla Russia sono funzionali a far cessare la guerra, non ad alimentarla”. Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricevendo al Quirinale il presidente dell'Ungheria, Katalin Novák, in visita ufficiale. Al centro dei colloqui, per l'appunto, l’invasione...

Ucraina-Russia, Mattarella: “Aiuti a Kiev per far cessare guerra”

(Adnkronos) - "Il sostegno politico, economico e militare all’Ucraina e le sanzioni alla Russia sono funzionali a far cessare la guerra, non ad alimentarla”. Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricevendo al Quirinale il presidente dell'Ungheria, Katalin Novák, in visita ufficiale. Al centro dei colloqui, per l'appunto, l’invasione...

Dramma Hulk Hogan: “Non sente più le gambe”

(Adnkronos) - Hulk Hogan ha perso la sensibilità alle gambe. A rivelarlo, come si legge sul DailyMail.com, è il suo amico Kurt Angle secondo il quale il wrestler, in seguito a un intervento chirurgico alla schiena, ha perso la sensibilità nella parte inferiore del corpo e deve usare un bastone...

“Bambini non obbligati a vedere i nonni”, la sentenza della Cassazione

(Adnkronos) - "Le modalità con cui riconoscere il diritto" dei nonni "a mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni devono essere risolte alla luce del primario interesse del minore". Lo sottolinea la Corte di Cassazione accogliendo il ricorso di due genitori contro la decisione dei giudici di Milano che avevano...