Lavoro, Indagine consulenti: “Autonomi ancora al palo, lontani da livelli pre-Covid”

Date:

(Adnkronos) – Il lavoro autonomo non riparte ed è ancora molto lontano dai livelli pre-Covid nonostante il timido incremento dell’1,3% registrato lo scorso novembre rispetto al mese di ottobre. È quanto emerge da un’analisi della Fondazione studi consulenti del lavoro, che attinge dai dati Istat relativi al terzo trimestre del 2021. Il dossier mette in evidenza come, a fronte di un sostanziale recupero dell’occupazione di tipo dipendente, tornata ai livelli del 2019, il lavoro autonomo non riesca a invertire la tendenza.  

Negli ultimi tre mesi del 2021, infatti, si è registrato un calo di 350mila occupati rispetto allo stesso periodo del 2019, scendendo a quota 4 milioni e 940mila. La perdita maggiore tra le donne: -131mila occupate, ma anche tra gli uomini i valori registrati sono elevati, considerato un decremento complessivo di 219mila indipendenti. La pandemia ha senza dubbio accentuato le criticità di un modello di lavoro, quello autonomo, che ha perso appeal tra i lavoratori, soprattutto i più giovani.  

A pagarne di più le spese sono, infatti, gli autonomi tra i 40 e i 49 anni: -223mila soggetti in questa fascia d’età, mentre cali più contenuti si registrano tra i 50 e i 59 anni con 60 mila lavoratori in meno. È il commercio il settore maggiormente colpito: rispetto al 2019, infatti, si sono persi più di 190mila autonomi; a seguire l’industria (43mila unità in meno) e l’area dei servizi tecnici e professionali (34mila autonomi in meno). Il settore dell’edilizia, invece, registra un buono stato di salute, con un incremento del lavoro autonomo negli ultimi due anni del 2,8%.  

Anche sotto il profilo professionale si registrano tendenze diverse. Le professioni tecniche sono quelle più impoverite con quasi 100 mila occupati in meno nell’ultimo biennio. I dati non sono più confortanti per le professioni intellettuali e ad elevata specializzazione: rispetto al 2019, infatti, si sono persi 73mila lavoratori. A penalizzare ancor di più questo mondo è la diversità di tutela rispetto al lavoro a tempo indeterminato.  

Secondo l’indagine condotta ad aprile 2021 da Fondazione Studi e Swg, due autonomi su tre hanno dichiarato che la pandemia ha avuto un impatto negativo (51,8%) o molto negativo (14,9%) sul loro lavoro e il 53,5% ha affermato di aver registrato una riduzione del reddito. 

E per Rosario De Luca, presidente della Fondazione studi consulenti del lavoro, “le prospettive per i primi mesi del nuovo anno” per i lavoratori autonomi “lasciano ampi spazi di incertezza a causa delle conseguenze economiche legate all’emergenza sanitaria”. 

“C’è bisogno di avviare una seria riflessione attorno ai liberi professionisti perché è il lavoro autonomo a generare quello dipendente”, conclude De Luca.  

Adnkronos

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Share post:

Ricevi le nostre notizie

Popular

SUGGERITI
ARTICOLI

Draghi: G7 è stato un successo, grande coesione e unità su Ucraina

Economia ServizioLe conclusioni del verticeEconomia Il presidente del Consiglio...

Rappler: Philippines orders shutdown of Maria Ressa’s critical news site

The regulator's decision to strip Rappler of its licence comes in the dying days of Rodrigo Duterte's presidency. +...

Fedez e J-Ax fanno ballare Milano con ‘Love Mi’

(Adnkronos) - Una festa per Milano e per la musica. Che neanche la minaccia di pioggia riesce a fermare. Quando sale sul palco, tra gli ultimi in scaletta, Fedez ci scherza su: "Io e Ax abbiamo litigato e quindi questa canzone la canterò da solo". E invece eccolo lì J-Ax,...

Ius Scholae, la legge sulla cittadinanza arriva in Aula

(Adnkronos) - Ius Scholae, la legge arriva in aula. "La Commissione ha concluso l'esame della riforma della legge sulla cittadinanza" annuncia Giuseppe Brescia (M5S), presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera e relatore del provvedimento. "Finalmente si va in aula, davanti a tutti gli italiani, per iniziare a saldare un...