Elezioni politiche 2022, l’importanza strategica di TikTok

Date:

Le elezioni politiche del 2022 si caratterizzano per l’uso dei social da parte dei politici. Quello che lascia perplessi è la strategia adottata dai leader di partito nel preferire TikTok, social criticato e usato principalmente dai giovani. Con un milione di utenti attivi di cui oltre il 67% con un’età superiore ai 25 anni, TikTok non è più (soltanto) un passatempo per adolescenti ma rappresenta un importante bacino elettorale a cui attingere per trovare consenso politico. A sollevare la situazione è l’esperto e imprenditore digitale Mik Cosentino, presente sulla piattaforma con un seguito di oltre 59mila follower, imprenditore digitale e fondatore di InfomarketingX. Ed è proprio con Mik Cosentino che vogliamo conoscere il motivo di questa strategia elettorale per comprendere la cultura politica.

Perché i politici scelgono un social dedicato ai giovani?

«Possiamo identificare due ragioni, la prima riguarda i risultati numerici di TikTok: secondo i dati Audiweb relativi al primo quadrimestre 2022, gli utenti unici mensili di TikTok sono stati circa 14,4 milioni, pari a circa un terzo (32.3%) di tutti coloro che hanno utilizzato Internet nel nostro paese. La seconda ragione è più di carattere sociale ed è legata a quella storica distanza che ormai separa i giovani dalla classe politica. TikTok è il social dei giovani, con oltre il 66% di utenti attivi con un’età inferiore ai 30 anni, la maggior parte compresa tra i 16 e i 25 anni, perché non provare a utilizzarlo per raggiungerli? A maggior ragione se consideriamo che, come da fonti Ipsos, in tema di voto gli indecisi rappresentino il 10,1% degli aventi diritto e sono soprattutto studenti (22,7%). In un momento cruciale per la politica italiana è sbagliato non essere su TikTok. La storia lo conferma, le campagne elettorali si sviluppano in tv, ma anche e soprattutto sui social». 

È una campagna elettorale troppo aggressiva con i social e poco contenuto dei programmi. Ciò significa che mancano le idee registrando una perdita di identità culturale?

«I programmi elettorali ci sono sempre stati e anche oggi non mancano, quello che secondo me può far percepire una maggior superficialità nella campagna elettorale odierna nasce da una considerazione non corretta dell’uso dei social network, in primis TikTok. Questa piattaforma non è più soltanto un passatempo per adolescenti, fatto di video brevi e frivoli, al contrario è un interessante strumento di business per le imprese e un’opportunità altrettanto importante per il mondo politico. Io stesso con la mia azienda uso TikTok da un paio d’anni per divulgare contenuti informativi. La cosa fondamentale è conoscere lo stile comunicativo della piattaforma e farlo proprio, senza però snaturarsi. Parlare ai giovani è sicuramente complesso, pensare di farlo scimmiottando il linguaggio dei ragazzi può risultare imbarazzante. I giovani vogliono essere trattati da adulti ed è importante offrire loro programmi credibili, contenuti nei quali possano identificarsi e che possano riscattare la credibilità che in questi anni è progressivamente diminuita nei confronti della classe politica, anche e soprattutto attraverso TikTok. A fare la differenza è sicuramente la modalità comunicativa adottata e i valori alla base del messaggio. Sposare cause last minute per mere finalità elettorali e sbarcare su TikTok senza avere le idee chiare su come esporsi può risultare controproducente. Il modo migliore per scongiurare questi rischi è essere se stessi. Chi forza la propria comunicazione, oltre a renderla inadeguata, tende a risultare ridicolo e più in generale poco credibile».

Francesco Fravolini

 

Francesco Fravolini
Francesco Fravolini
Giornalista professionista, ha collaborato con diversi giornali tra i quali Paese Sera, I Viaggi (supplemento di Repubblica), Tuttolibri (La Stampa), Famiglia Cristiana. Cofondatore e membro del Consiglio Direttivo dell’Ente Nazionale per la Trasformazione Digitale. È interessato alle questioni sociali ed economiche rivolgendo una costante attenzione alla scommessa del XXI secolo: un maggiore incontro tra i popoli per una consapevole condivisione del pianeta. Che può tramutarsi in una grande ricchezza culturale ed economica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Share post:

Ricevi le nostre notizie

Popular

SUGGERITI
ARTICOLI

Ucraina, Biden: “Parlerò con Zelensky di sue richieste di armi”

(Adnkronos) - Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato che "parlerà" con il suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, delle sue richieste di ulteriori aiuti militari. "Parleremo", ha detto Biden rispondendo a un gruppo di giornalisti alla Casa Bianca che gli chiedevano delle richieste di Zelensky di ricevere aerei...

“Test svela età biologica e dice come rallentare invecchiamento”

(Adnkronos) - "Perché ci sono novantenni che dimostrano 60 anni e ballano il Tip-Tap e quarantenni che arrancano a fare due piani di scale e sembrano vecchi? Non è solo questione di buona salute o di allenamento. E' il Dna, anzi, l'azione epigenetica delle strutture molecolari che lo regolano: i...

Pfizer, record ricavi nel 2022: “Oltre 100 miliardi di dollari”

(Adnkronos) - L'americana Pfizer prevede un 2023 in calo, complice una richiesta sempre minore di vaccini e farmaci contro la pandemia di Covid-19 arrivata a quanto pare alle battute finali. Prodotti che hanno invece contribuito ai risultati record registrati dal gruppo nel 2022 con ricavi superiori a 100 miliardi di...

Biella, malore a scuola: muore a 18 anni

(Adnkronos) - Non ce l'ha fatta, nonostante i soccorsi, la ragazza diciottenne che, dalle prime informazioni, si sarebbe sentita male nella tarda mattinata a scuola, mentre si trovava in classe. E accaduto in un istituto di Biella. La giovane è deceduta poco fa in ospedale, dove era stata trasportata in...