DigitaleeconomiafinanzaSviluppo Economico ed InnovazioneTecnologia

Cos’è l’intelligenza digitale? Da ipotesi a Regina delle Soft Skills

Cos'è l'intelligenza digitale

Cos’è l’intelligenza digitale?
L’intelligenza Digitale è la capacità cognitiva di un individuo di affrontare, ragionare, pianificare e risolvere con successo problemi di qualsiasi natura, attraverso l’utilizzo di tecniche, metodi e metodologie appartenenti al mondo delle tecnologie digitali.1

La quarta rivoluzione industriale ha reso il digitale trasversale a tutti i settori. I molti si sono dovuti adattare ai nuovi paradigmi. Purtroppo, il cambiamento può essere intimidatorio, imprevedibile e persino stressante per il genere umano.

Il Digital Humanist, Pasquale Aiello, ha sviluppato un framework dedicato all’Intelligenza Digitale (D.I.D. – Digital Intelligence Development). Lo scopo del D.I.D. è consentire di comprendere le caratteristiche comportamentali chiave in un determinato contesto. Ovvero, ciò che è necessario per avere successo in un mondo guidato dalla tecnologia digitale e che cambia a velocità vertiginose.

Pasquale Aiello - Digital Humanist - Presidente dell'ENTD - Ente Nazionale per la Trasformazione Digitale
Pasquale Aiello

Pensate all’intelligenza digitale come a un modo di ragionare, non solo come alla conoscenza di una tecnologia. Non dovete diventare esperti di tutte le tecnologie per possedere l’intelligenza digitale. Non c’è bisogno di imparare a scrivere software o progettare un sistema IoT. Ma dovete riconoscere le opportunità che l’adozione del digitale fornisce. Dovete captare i tanti modi in cui la tecnologia digitale può aiutarvi a lavorare in modo più efficiente e ad avvicinarvi al vostro contesto ed alle persone con cui interagite a Scuola, a Lavoro, nella Società, OnLine ed in qualsiasi altro contesto.

Matrice dell’Intelligenza Digitale

Pasquale Aiello ha creato la matrice dell’intelligenza digitale partendo dalle attitudini capacità / propensione / volontà di apprendimento in relazione alla tipizzazione di soggetti con comportamenti collaborativi e/o competitivi, preservando la libertà di aggiungere ulteriori elementi per definire ulteriormente il contesto. Le simulazioni di scenario proposte come test ad una selezione eterogenea di soggetti hanno restituito risultati di grande rilevanza. Il risultato maggiore è stato dare consapevolezza a persone di “vecchio stampo” che il digitale è solo un semplice e banale strumento. Mentre persone con un passato o un presente nella gestione dei rapporti One to One con risorse umane, clienti e Team hanno over-performato nei test anche in assenza di una preparazione digitale e/o informatica. I test hanno dato riscontro negativo solo nel caso di persone altamente competitive con una preparazione settoriale anche di altissimo livello ma non al passo con i nuovi dettami della disciplina di riferimento del settore di appartenenza.

Related posts
economia

Nobel, il fisico italiano Giorgio Parisi nella 'nomination' dei Clarivate Citation Laureates

Il fisico italiano Giorgio Parisi entra a far parte della Clarivate Citation Laureates come studioso…
Read more
economia

Clima, Leonardo DiCaprio investe nella carne coltivata sostenibile

Leonardo DiCaprio consolida la sua ‘anima’ ambientalista e investe nel settore della…
Read more
economia

Allarme produttori latte: "Le stalle chiudono"

I produttori di latte rischiano “il collasso”, la situazione è davvero “grave…
Read more

press@comunicatistampa.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *